Burqa in ospedali e uffici pubblici, Lega Nord: “Non è una discriminazione, ma necessario”

Il capogruppo Piana: “Storica sentenza del Tribunale di Milano che ha rigettato il ricorso contro il provvedimento”

Liguria. Il Tribunale dice sì a divieto di velo integrale negli ospedali ed uffici pubblici: il Tribunale di Milano, infatti, ha rigettato il ricorso di quattro associazioni per i diritti degli immigrati, che avevano chiesto di dichiarare “discriminatoria” la norma della Regione Lombardia con la quale, dal dicembre 2015, è stato previsto il divieto di indossare “caschi protettivi o qualunque altro mezzo atto a rendere difficoltoso il riconoscimento della persona in luogo pubblico o aperto al pubblico senza giustificato motivo”. La stessa norma è stata approvata lo scorso marzo pure dalla Regione Liguria.

“Altro che dettato del Corano. La storica decisione del Tribunale di Milano – spiega il capogruppo regionale del Carroccio Alessandro Piana – fissa un principio giuridico, chiaramente valido per la Liguria, alla faccia dei buonisti e del Pd che avevano inutilmente contestato la nostra norma di buonsenso e civiltà. Pertanto, anche burqa e niqab continueranno a non poter essere indossati in ospedali ed uffici pubblici”.

“Vietare il velo integrale non è una discriminazione, come sostiene in modo infondato e fazioso chi appare coinvolto nel business immigrati, ma è necessario per la sicurezza di tutti, come riconosciuto perfino dal Tribunale. Niqab e burqa, infatti, non consentono i controlli ed inoltre discriminano le donne”.

“In questo caso, la Lega Nord ha avuto pienamente ragione e la vice presidente Sonia Viale, con discernimento e lungimiranza, ha dotato la Liguria di questa importante normativa. Peraltro, la sentenza del Tribunale di Milano è in linea con l’orientamento della Corte di Strasburgo, che nel 2005 legittimò la rimozione del turbante o del velo per permettere i controlli anche negli aeroporti” conclude Piana.

IVG.IT 03 maggio 2017

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: