Cartelli salva-vita: Alta Via più sicura

Stampa Imperia di lunedì 17 dicembre 2018

di Bracco Giorgio

Al via il progetto della Regione Liguria per la geo-localizzazione degli escursionisti Cartelli salva-vita Alta Via più sicura IL CASO GIORGIO BRACCO IMPERIA Forse gli incidenti in collina e montagna di escursionisti e appassionati non diminuiranno ma, certamente, i soccorsi diventeranno più rapidi in caso di emergenza e necessità. Partirà a breve l’innovativo progetto pilota della Regione, denominato «Points of interest in case of emergency», e destinato a mappare con paletti e targhette i 450 km di sentieri e percorsi (buona parte in territorio ponentino) dell’Alta Via dei Monti Liguri. I cartelli, posizionati a mille metri di distanza l’uno dall’altro, avranno tutti un codice, una numerazione univoca e il numero unico per l’emergenza 112. Un sistema semplice ma intelligente per creare automaticamente una geolocalizzazione in caso di emergenza. A coordinare il progetto, oltre alla Regione, il Cai (Club Alpino Italiano) e la Cur (Centrale unica di risposta) del 112 Liguria. Per il momento, in via sperimentale, paletti e targhette saranno dislocati sui sentieri che collegano in quota le estremità della regione, da Ventimiglia a Ceparana, ma – come ha già sottolineato l’assesore allo Sviluppo dell’entroterra, Stefano Mai – il progetto verrà poi ampliato all’intera rete sentieristica ligure, in cui la provincia di Imperia recita da sempre un ruolo di primaria importanza a livello turistico e paesaggistico. La Val Nervia (Sentiero degli Alpini, Pietravecchia e Toraggio) e le Alpi Liguri (Saccarello, Realdo, Verdeggia, Colle di Nava e Val Tanaro) sono due tra i settori più frequentati dalle migliaia di escursionisti che scelgono l’itinerario più affascinante per le loro spedizioni o vacanze. Una volta sistemati sul terreno, i paletti verranno rilevati con sistemi satellitari e i dati dell’esatto posizionamento saranno poi inoltrati al 112. Gli operatori della Centrale unica di risposta, a questo punto, caricheranno tutto sul loro complesso sistema di allertamento. A questo punto, il programma catalogherà i punti sia lungo il tracciato sia sul database del 112 ligure. Obiettivo: indicare con precisione la posizione di un escursionista in difficoltà (smarrimento, infortunio, malore). —