Case popolari, Pucciarelli (Lega): “Dal Pd solo disinformazione e strumentalizzazioni”

Case popolari, Pucciarelli (Lega): “Dal Pd solo disinformazione e strumentalizzazioni”

Genova. Stamane la IV Commissione regionale Territorio Ambiente ha approvato il Disegno di legge sulle modifiche alla Legge regionale del 2004 in materia di assegnazione e gestione del patrimonio di edilizia residenziale pubblica e alla Legge regionale del 2007 relativa all’organizzazione dell’intervento regionale nel settore abitativo. La proposta di Legge era stata inizialmente presentata dal Consigliere regionale del Carroccio Stefania Pucciarelli e quindi integrata in alcune parti dalla Giunta Toti, su proposta dell’Assessore regionale Marco Scajola. Il testo finale, però, è stato licenziato dalla Commissione con i voti favorevoli del centrodestra e quelli contrari dell’opposizione (M5S, Pd, RaS e LiberaMente Liguria).

“Finalmente – spiega Pucciarelli – oggi possiamo davvero dire: prima gli Italiani. La nuova legge introduce significative novità sui criteri per l’assegnazione degli alloggi di edilizia popolare introducendo l’obbligo di regolare residenza nel territorio nazionale da dieci anni. E’ altresì privilegiato il concetto della radicalizzazione sul territorio richiedendo la residenza o attività lavorativa da almeno cinque anni nel bacino di utenza a cui appartiene il comune che emana il bando. Inoltre, mai più genitori separati in mezzo ad una strada. Con questa riforma, infatti, potrà ottenere l’alloggio anche un genitore separato o divorziato, proprietario di un’abitazione che per sentenza è stata destinata all’ex coniuge. Queste nuove povertà non erano considerate nel vecchio testo di legge, con la triste conseguenza che molti genitori separati sono stati costretti a dormire in auto ed a non avere un posto letto per ospitare i figli. Infine, in caso di mancato pagamento delle competenze dovuti a disoccupazione o grave malattia, viene innalzato da 12 a 15 mesi il periodo entro il quale devono essere sanate le morosità. Quest’ultimo provvedimento va incontro alle categorie più disagiate e colpite dalla crisi economica”.

“Se da un lato la Lega è soddisfatta per i risultati ottenuti insieme all’Assessore Scajola e al resto della maggioranza – aggiunge Pucciarelli – sono rimasta allibita per le continue strumentalizzazioni del Pd sulla pelle della povera gente. Il Gruppo regionale del Partito Democratico, infatti, oggi ha sostenuto che le nuove norme contenute nella nostra riforma rischiano di mandare in mezzo alla strada centinaia di famiglie che già vivono in un alloggio popolare perché il reddito dei figli d’ora in poi farà cumulo sull’Isee. In realtà, si tratta di una delle tante falsità del Pd che fa la solita disinformazione, peraltro alla vigilia delle elezioni amministrative. Invero, come ben spiegato e dettagliatamente documentato dall’Assessore Scajola stamane in Commissione, la normativa nazionale varata nel dicembre 2013 dal Governo Letta (Pd) ha rivisto i criteri dell’Isee, modificandoli, in questo caso a danno dei cittadini. Regione Liguria non può andare contro la normativa vigente ed oggi non è più possibile operare delle deroghe rispetto alla disciplina nazionale.
Genova24.it 24-05-17

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: