Genova, a scuola di etichette: come leggerle ed evitare fregature

Genova24.it 17 maggio 2016

Al centro del convegno patrocinato da Ministero dell’Istruzione, Regione e Comune la regolamentazione nazionale dell’etichettatura nutrizionale e la sua influenza sulla scelta consapevole del consumatore.

Genova. Consumatori più o meno attenti, attenzione perché da dicembre 2016 sarà obbligatoria la nuova etichettatura nutrizionale. Sarà cioè scritta, nero su bianco, la composizione dell’alimento in termini, ad esempio, di energia e nutrizione, carboidrati, grassi, fibre, ecc.. Una formulazione dettagliata che condurrà il consumatore a valutare se acquistare o meno il prodotto in relazione alla sua alimentazione specifica.

etichetta cibo

Imparare a leggere le etichette sulle confezioni degli alimenti per un’alimentazione sempre più sana, equilibrata e consapevole. E’ proprio questo, infatti, l’obiettivo del convegno “La nuova etichetta nutrizionale: leggere le etichette fa bene alla salute“, che si svolge oggi a Palazzo della Borsa di Genova.

Camera di Commercio di Genova, CISEF Gaslini, Società Italiana di Nutrizione Umana e Università di Genova, alla luce della nuova normativa comunitaria sull’etichettatura del prodotto alimentare, propongono a imprese e professionisti del settore una giornata di studio. Al centro dei lavori, la regolamentazione nazionale dell’etichettatura nutrizionale e la sua influenza sulla scelta consapevole dei prodotti alimentari da parte del consumatore.

Il convegno – patrocinato tra gli altri da Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Regione Liguria e Comune di Genova – sarà anche occasione per un confronto sul rapporto tra alimentazione, stili di vita, e salute.

Franco Machiavello, responsabile Ufficio Genova Ispettorato repressione frodi Ministero Politiche Agricole, ci insegna come leggere le etichette: “La nuova etichetta ci racconterà cosa è davvero il prodotto, la sua denominazione, l’indicazione di categoria, ad esempio. Ma anche chi lo mette in commercio (prodotto da) e il termine minimo di conservazione”.

Insomma leggere fa bene, per mangiare bene, ed evitare, magari, le così dette frodi alimentari.

Fra le varie iniziative della Camera di Commercio per favorire la cultura del “mangiar bene e mangiar sano”, sarà ancora una volta protagonista il marchio Genova-Liguria Gourmet che tutela l´eccellenza e la tipicità della gastronomia locale.

Ad aprire i lavori l’Assessore alla Sanità, Politiche sociali e sicurezza della Regione Liguria Sonia Viale, l’Assessore allo Sviluppo Economico del Comune di Genova, Emanuele Piazza e il Vice Presidente della Camera di Commercio Massimo Giacchetta, con gli interventi di carattere medico-scientifico. Nel pomeriggio si affronteranno il punto di vista delle imprese, come costruire un’etichetta nutrizionale e temi controversi come la contraffazione e la pubblicità ingannevole.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: