Genova -Dinegro, riparte il progetto di restyling del mercato, grazie ad un’interrogazione del Consigliere Comunale Alessio Piana

Sarebbe un esperimento mai tentato a Genova, e in Italia,ma collaudato da tempo in città europee come Stoccolma, Londra, Berlino. Eppure il mercato di Dinegro sta provando a essere la prima struttura del genere gestita sia da operatori a banco sia da un’insegna della grande distribuzione organizzata. Conad, in questo caso. Il problema è che, dalla scorsa primavera – quando i commercianti e il gruppo avevano presentato il progetto al Comune – sembrava solo questione di tempo. E forse lo era, ma «troppo – dice oggi Alessio Marcello, macellaio, portavoce degli operatori – non abbiamo avuto segnali fino a pochi giorni fa». C’è voluta un’interrogazione in consiglio comunale, avanzata da Alessio Piana, Lega Nord, per riportare la questione all’ordine del giorno. E qualcosa si è sbloccato: Tursi ha ora predisposto uno studio per stimare i valori commerciali dell’immobile, aggiornandoli al 2015, e per valutare la concessione delle licenze, che scadranno, comunque, tutte nel 2017. Allo studio anche la possibilità che il Comune si faccia da garante con gli assegnatari dei banchi nel caso chi e da no un prestito per fare la loro parte nel progetto di riqualificazione. Che prevede che Conad rilevi e si inserisca in 250 metri quadri attualmente chiusi al pubblico(solo per merce non fresca),mentre nello spazio principale resteranno gli otto operatori sopravvissuti alla crisi. Entrambe le parti contribuiranno a una massiccia ristrutturazione, necessaria visto lo stato in cui versa il mercato. Necessari circa 2 milioni di euro. L’operazione potrà costituire un precedente per l’ingresso di altri grandi nomi della gdo italiana nel settore dei mercati coperti.
Tratto da ‘Ilsecoloxix 24-11-15’

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: