Giovani Padani aggrediti in una trattoria di Genova – La solidarietà del Segretario Nazionale Sonia Viale

Il segretario regionale dei Giovani Padani della Lega Nord Flavio Di Muro, di Ventimiglia è rimasto vittima di un’aggressione avvenuta nel primo pomeriggio di ieri a Genova dove era arrivato insieme ad altri militanti del Ponente, tra cui Simeon Simeonov, di Isolabona, rappresentante del Carroccio nel consiglio di amministrazione di San- remo Promotion, per prendere parte alla manifestazione indetta al Porto Antico dal titolo «Basta Tasse, Monti a Casa,,.
I fatti sono avvenuti in una trattoria nel centro storico del capoluogo dove i sei sostenitori padani avevano deciso di pranzare poco dopo le 14,30. «Ma non abbinino avuto neppure il tempo di fare le ordinazioni – racconta Di Muro – appena ci siamo seduti siamo stati circondati da una ventina di giovani dei centri sociali che ci hanno insultato e ci hanno fatto capire che non gradivano le nostra presenza». E prosegue: «Consapevoli dell’impossibilità di un confronto politico abbiamo preferito lasciare il locale facendo prevalere il buonsenso. Ma per uscire siamo dovuti passare in una sorta di “corridoio”, una sfilata tra due ali di supporter dei centri sociali che ci hanno preso di mira con sputi, insulti e pugni». Di Muro ha rimediato un colpo sulla fronte e ieri sera si è fatto refertare la ferita al pronto soccorso dopo aver denunciato l’accaduto alla Questura di Genova. «La manifestazione era finita ma qualcuno se l’è presa in modo deliberato con noi. E’ un gesto inqualificabile di intolleranza. Pensate che una volta fuori dalla trattoria qualcuno ci ha mostrato i coltelli da ristorante e sgabelli come se volessero tirarceli contro». Ora ad indagare saranno gli specialisti della Digos genovese. La querela di parte fatta da Di Muro potrebbe portare a visionare le telecamere di sorveglianza che si trovano in quella zona del centro storico di Genova e quindi all’identificazione delle persone che si trovavano all’interno del pubblico esercizio quando sono avvenuti i fatti».
Il rientro in Riviera della delegazione di Giovani Padani è poi avvenuto senza ulteriori problemi.

La solidarietà di Sonia Viale “Vinceranno le idee non le sassaiole”«Genova si conferma una città non sicura, dove comandano i centri sociali e l’intolleranza. Solidarietà a tutti i militanti coinvolti che pacificamente sono arrivati a Genova. Vinceranno le idee non le sassaiole,,. Cosi è intervenuta ieri nella vicenda l’onorevole della Lega Nord! L’ex sottosegretario, Sofia Viale, di Bordighera, che per prima cosa si è accertata delle condizioni di salute dei suoi compagni di partito. La giornata genovese dei militanti della Lega Nord ha visto anche un pullman arrivato dalla Lombardia preso di mira da una sassaiola e altri episodi sui quali stanno indagando le forze dell’ordine. Il segretario nazionale Roberto Maroni si è appellato al ministro degli Interni perchè i responsabili siano identificati.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: