Immigrazione, Viale: “Quasi 8 milioni per i sedicenti profughi. Per gli anziani mai un euro”

Liguria – “Le famiglie povere in Liguria sono aumentate del 47% in cinque anni, raddoppiate le richieste di pasti alla Caritas a Genova e il governo Renzi, con la complicità dei suoi compagni Burlando e Paita, che fa? Pensa bene di trovare risorse non per i nostri disoccupati, non per i nostri anziani che non arrivano a fine mese, non per gli esodati che aspettano la pensione, non per le famiglie con un disabile da curare ma per accogliere nuovi poveri, sedicenti profughi che hanno raggiunto quota 18 mila sbarchi solo in quattro mesi nel 2015, quasi quanto il totale dell’intero 2014.
Una situazione agghiacciante che rende bene l’idea della totale assenza di gestione dell’immigrazione in Italia dove non si parla ormai da anni di regolamentazione di flussi, ma ci si preoccupa solo di trovare questa o quella cooperativa a cui affidare centinaia di clandestini mantenuti in tutto e per tutto, dal cibo alle sigarette fino alla scheda del telefono”.
Così interviene Sonia Viale, segretario regionale della Lega Nord Liguria, in merito alla notizia diramata a tutte le prefetture anche liguri per prepararsi all’accoglienza di nuovi immigrati.

“Solo in Liguria in queste ore ne arriveranno 200 – spiega Viale – per un totale di 800 da qui a fine anno. Niente paura: il governo Renzi ha già trovato le risorse. Ben 7,7 milioni di euro che andranno dritti nelle casse della cooperativa Agorà, notoriamente di sinistra, che ha vinto l’appalto per il servizio di accoglienza. Un business enorme quindi per questa e tante altre cooperative rosse sparse per l’Italia che, dietro al solito buonismo fasullo che contraddistingue la sinistra, hanno trovato nell’immigrazione incontrollata voluta da Renzi e Alfano una vera e propria “gallina delle uova d’oro”.
Tutto questo mentre le nostre famiglie sono ogni giorno di più alla canna del gas e addirittura le scuole che crollano! Quello di Ostuni è solo l’ennesimo fatto. Anche a Cengio due mesi fa è crollato un soffitto di una mensa scolastica in quel momento fortunatamente vuota.
È una vergogna che oggi Renzi venga a Genova a tagliare i nastri con tutto il codazzo del Pd, Paita e Burlando in testa, in un blitz di due ore. Chieda piuttosto conto ai suoi amministratori locali come siano riusciti a rendere la Liguria la prima regione del Sud Italia, forse anche del Nord Africa per disoccupazione alle stelle, aziende in fallimento, sanità da terzo mondo. Se ha a cuore un minimo la Liguria e i liguri attinga dal tesoretto da 1,6 miliardi di euro del Def per aiutare le famiglie liguri in difficoltà o mettere in sicurezza le scuole dove vanno i nostri figli, anziché continuare a foraggiare i soliti noti che si riempiono le casse con il business dell’immigrazione clandestina”.

Martedì 14 aprile 2015 alle 14:33:26
 Tratto da Città di La Spezia 14-04-15
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: