In Liguria nasce la “Cabina di regia per il benessere e l’innovazione sociale”

In Liguria nasce la “Cabina di regia per il benessere e l’innovazione sociale”

Liguria. Al via la prima “Cabina di regia per il benessere e l’innovazione sociale” con l’obiettivo di sviluppare politiche comuni di promozione dello sport quale strumento di benessere, partecipazione, solidarietà, inclusione e promozione dei corretti stili di vita. L’ha costituita oggi, nel giorno della cerimonia di chiusura dei Giochi Europei Paralimpici Giovanili, la Regioni Liguria, alla presenza del presidente del Comitato organizzatore degli EPYG2017, Dario Della Gatta.

“Questo workshop – afferma la vicepresidente Viale – è il primo passo per un laboratorio che coinvolga in futuro tutto il nord ovest, con le Regioni Lombardia, Piemonte e Valle D’Aosta. Questa iniziativa segna anche l’avvio di un percorso di collaborazione e scambio di buone pratiche su tutto il nostro territorio: un laboratorio che potrà essere esteso a livello interregionale per realizzare progetti comuni sui temi della prevenzione, del benessere, della salute legata allo sport. Questo significa investire sul futuro, sui giovani, sulle persone con disabilità e anche sulle fasce anziane della popolazione”.

La vicepresidente Viale ha ricordato che “partendo dalla consapevolezza della straordinaria ricchezza e bellezza della Liguria, che è una palestra a cielo aperto, poche settimane fa abbiamo presentato ai commissari di Aces Europe la prima community ‘L’arco del Benessere’ inizialmente costituita da 11 comuni tra il ponente ligure e la Francia (Saorge) e oggi già estesa a 18 comuni: questa realtà, con capofila Vallebona, è candidata a “European Community of Sport 2019″.

A quel primo tassello fondamentale – ha spiegato l’assessore alla Sanità – oggi ne aggiungiamo un altro: l’occasione dei Giochi Paralimpici Europei Giovanili ha dimostrato come lo sport, oltre ad essere indissolubilmente legato al benessere, sia anche uno strumento prezioso di inclusione sociale e partecipazione. Questa cabina di regia renderà possibile lo sviluppo di nuove politiche comuni di prevenzione e di benessere, con progetti mirati che potranno far arrivare sui nostri territori importanti finanziamenti nazionali o europei”.

L’assessore allo Sport Ilaria Cavo ha sottolineato che “questa ‘cabina di regia’ è perfettamente in linea con altre azioni che abbiamo già messo in campo come Regione Liguria a sostegno dello sport quale strumento di inclusione sociale, legato anche alla disabilità. Basti pensare che l’ultimo bando sull’inclusione sociale, varato dalla Giunta con risorse del Fondo Sociale Europeo, è stato aperto per la prima volta anche alle realtà e associazioni culturali e sportive della Liguria. Inoltre l’ultimo bando per l’impiantistica sportiva, chiuso qualche giorno fa, vedrà assegnate tutte le risorse disponibili, oltre 500mila euro, alle associazioni dilettantistiche per interventi sulle strutture, con particolare attenzione alle realtà che operano con i giovani e con i disabili, ad esempio per l’abbattimento delle barriere architettoniche.

Tutto ciò a dimostrazione della grande attenzione che questa Giunta ha rivolto fin dal suo insediamento al tema della disabilità, come testimonia anche il nostro forte sostegno ai Giochi Europei Paralimpici Giovanili che si concludono oggi. Il nostro obiettivo è estendere questo laboratorio a livello interregionale per sviluppare progetti mirati di promozione dello sport anche per la prevenzione della disabilità, intendendo l’attività sportiva quale ambito peculiare per raggiungere il benessere, inteso come strumento di miglioramento sociale e relazionale. Non dobbiamo dimenticare un altro aspetto importante costituito dalle ricadute economiche, turistiche e occupazionali che progetti comuni su queste tematiche possono determinare sul territorio”.

Hanno partecipato all’iniziativa odierna anche il direttore vicario regionale dell’Inail Enrico Lanzone, il direttore dell’Istituto Tecnologie Didattiche del CNR Rosa Maria Bottino, il presidente della Consulta regionale per l’handicap Claudio Puppo, il presidente di Aces Europe Gian Francesco Lupattelli, il direttore del Parco regionale delle Alpi Liguri Sonia Zanella (candidato a Patrimonio Mondiale dell’Umanità – Unesco) oltre al sindaco di Pigna, Daniela Simonetti, in rappresentanza della “Community Arco del Benessere” oggi estesa a 18 Comuni dell’estremo ponente oltre al Comune francese di Saorge. Erano presenti anche rappresentanti delle Università di Genova e Nizza e dell’Associazione Italiana Sclerosi Multipla.

Al termine dell’evento, il presidente di Aces Europe Lupattelli ha consegnato alla vicepresidente Viale il Diploma di “Benemerito dello Sport Europeo” firmato dal sindaco di Marsiglia, quest’anno Capitale Europea dello Sport, “per la promozione delle attività motorie per il benessere e la salute dei cittadini liguri”. Il presidente Della Gatta ha invece consegnato una maglia degli EPYG2017.
Genova24.it 14-10-17

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: