Ingegneria a Erzelli, l’accordo inviato a Roma

A Febbraio prevista la firma sotto il documento finale.

Un altro passo è compiuto. L’Università, il Comune e la Regione hanno inviato al ministero della Pubblica istruzione la lettera di intenti per il trasferimento di Ingegneria sulla collina degli Erzelli. Come avevano preannunciato il rettore Paolo Comanducci, il vicesindaco di Genova Stefano Bernini e l’assessore regionale EdoardoRixi, l’intesa istituzionale è stata formalizzata entro la fine di novembre per non perdere il finanziamento statale di 75 milioni di euro, che potrebbe migrare altrove in assenza di un progetto concreto. Ma il percorso è ancora lungo. Adesso ateneo, Tursi e Regione devono continuare il lavoro di preparazione dell’accordo di programma vero e proprio, la cui firma è prevista all’inizio dell’anno prossimo, tra gennaio e febbraio. Negli ultimi tavoli tecnici che si sono svolti nel corso delle ultime settimane, è stato affrontato il tema dei finanziamenti extra, necessari al successo dell’iniziativa. La Regione ha confermato la volontà di investire 50 milioni di euro e l’Università si è impegnata con fondi propri sino a 7 milioni di euro. Il Comune invece ha assicurato la soluzione dei problemi logistici legati ai trasporti e alla viabilità, per migliorare, nel prossimo futuro, i collegamenti tra la città e la collina degli Erzelli. Nell’ambito di questa partita, l’amministrazione comunale ha assicurato che, grazie ad alcuni interventi, nella zona del parco tecnologico potranno sicuramente circolare i maxi bus da 18 metri. E recentemente ha annunciato l’intenzione di rilanciare il progetto di una funivia veloce che potrebbe essere realizzata con un budget di 15 milioni di euro.
Tratto da ilSecoloxix2-12-15’

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: