L’arte dei muretti a secco è Patrimonio Unesco

Riviera di giovedì 6 dicembre 2018

ARMONIA TRA UOMO E AMBIENTE L’arte dei muretti a secco è Patrimonio Unesco MENDATICA (dvg) L’arte dei muretti a secco diventa Patrimonio dell’Umanità. Secondo l’Unesco, infatti, rappresentano una relazione armoniosa tra la natura e l’essere umano, dimostrando di essere in perfetta sintonia con l’ambiente circostante. La pratica rurale è un simbolo tipico della Liguria e più in generale dell’Italia, ma anche di altri paesi che hanno festeggiato l’iscrizione al prestigioso registro: Francia, Grecia, Spagna, Croazia, Cipro, Slovenia e Svizzera hanno presentato la candidatura insieme al nostro Paese. Si tratta di uno dei primi esempi di manifattura umana, ha sottolineato l’organizzazione, che altro non utilizza se non pietre e al massimo terra a secco. Soddisfazione da parte della Regione Liguria: «La valenza dei nostri muri a secco non è solo quella di rendere coltivabili i nostri territori, ma anche di regalarci paesaggi mozzafiato e soprattutto di contrastare il dissesto idrogeologico» ha commentato l’assessore Stefano Mai. Da levante a ponente corrono per una lunghezza totale che supera quella della Grande muraglia Cinese ha evidenziato invece Coldiretti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: