Pucciarelli (Lega): “Pista ciclabile sul Canale Lunense, l’eterna incompiuta. Sicuri che fosse un investimento necessario?

Pucciarelli (Lega): “Pista ciclabile sul Canale Lunense, l’eterna incompiuta. Sicuri che fosse un investimento necessario?” «Oggi, in sede consiliare, attraverso un’interrogazione ho portato all’attenzione dell’assessore Giampedrone, la questione dell’eterna incompiuta pista ciclabile sul Canale Lunense. Purtroppo il problema dei ritardi nei lavori, della mancanza di manutenzione e di denaro sono la conseguenza di una mala gestione da parte dei comuni competenti, che dopo aver speso male i propri soldi in passato, oggi si divertono a fare il gioco dello scaricabarile».«La realizzazione, nel territorio della Val di Magra, della pista ciclabile sul Canale Lunense – spiega Pucciarelli – ha come obiettivo la valorizzazione delle risorse naturali, culturali e paesaggistiche locali, trasformandole in vantaggio competitivo per aumentare l’attrattività, anche turistica, del territorio, migliorare la qualità di vita dei residenti e promuovere nuove forme di sviluppo economico sostenibile. Per questo motivo ho presentato un’interrogazione per conoscere lo stato attuale dei lavori e per capire qual è l’Ente a cui competono la manutenzione ordinaria e straordinaria della pista ciclabile». Dalla precedente Giunta regionale, sottolinea il consigliere, sono stati stanziati su proposta degli ex Assessori alle Infrastrutture e allo Sviluppo economico, rispettivamente Raffaella Paita e Renzo Guccinelli, 1.600.000 Euro per finanziare tale opera. Si tratta di risorse, individuate nell’ambito del programma attuativo regionale Fas 2007 – 2013, per realizzare 21 chilometri di pista ciclabile lungo le sponde del Canale Lunense, da Santo Stefano di Magra a Ortonovo. E’ stato compito della Provincia di La Spezia procedere alla progettazione esecutiva e, in seguito, appaltare l’opera.«L’inizio effettivo dei lavori è avvenuto il 29 luglio 2014 e la fine è prevista per il 22 settembre 2015 – dice Pucciarelli – Per tale opera sono state impegnate risorse pubbliche per un totale di 1.676.195,46 Euro, dei quali Euro 1.308.092 derivanti dal Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 – 2013, 51.789 dalla Provincia di La Spezia e 316.313 dai Comuni interessati. A fronte di questi finanziamenti però, i tratti terminanti della pista ciclabile versa nel degrado più assoluto».L’assessore nella risposta data quest’oggi in aula ha comunicato che la fine dei lavori è prevista a maggio 2016, salvo ulteriori ritardi per le condizioni meteo e incrementi di spesa, poiché il progetto iniziale non aveva previsto protezioni per i ciclisti. «Come già a suo tempo dissi in Consiglio Comunale a Santo Stefano – conclude la Pucciarelli – in tempi di ristrettezze economiche come quelle attuali, ritengo che si debba dare la priorità a quelle che sono emergenze e la pista ciclabile non era e non è una di quelle. Le scelte politiche della precedente Amministrazione che aveva presentato il progetto come l’opera del secolo, hanno fatto indebitare i Comuni per poterla realizzare e tra questi Comuni vi sono quelli che oggi protestano, assieme all’ex Assessore Paita, perché mancano i soldi per la realizzazione del Ponte Ceparana. Perché anziché investire sulla pista ciclabile non hanno investito sulla bretella?».
Tratto da ‘lagazzettadellaspezia21-10-15’

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: