Recco, Via Libera alla Rsa nell’ex ospedale con trenta posti letto

Secolo XIX Levante di sabato 9 marzo 2019

Via libera alla Rsa nell’ex ospedale con trenta posti letto

di Meoli Edoardo

RECCO Via libera alla Rsa nell’ex ospedale con trenta posti letto Servizio assegnato alla Global Care per venticinque anni Ieri intanto sopralluogo alla palazzina ex Saub di via Pisa Edoardo Meoli /REcco Via libera alla Rsa di primo livello nell’ospedale di Recco. La notizia dell’assegnazione del servizio alla Global Care Srl, che si è aggiudicata il bando pubblico per l’ex Sant’Antonio, e arrivata mentre era in corso il sopralluogo per l’expalazzina Saub di via Pisa. Dunque, a distanza di otto anni dalla chiusura dell’ultimo reparto (era stato quello di Medicina), torna l’attività di degenza nell’ospedale recchese. A confermare la novità positiva è stato Franco Senarega, consigliere regionale cui è stato affidato un ruolo di mediazione tra Comune e Regione per la questione della palazzina di via Pisa: «Proprio quest’oggi la Asl 3 ha deliberato l’assegnazione della gestione dell’Rsa — ha spiegato ieri durante il sopralluogo nell’edificio — Presto partiranno gli interventi per consentire l’avvio dell’Rsa». La nuova struttura del Sant’Antonio sarà caratterizzata da 30 posti letto, si rivolgerà alla popolazione più anziana e la concessione avrà una durata di 25 anni. L’obiettivo futuro sarà quello di configurare un assetto organizzativo, all’interno di una rete integrata e di sinergie che mettano in relazione i servizi offerti dalla Casa della Salute e la nuova Rsa, al fine di rispondere compiutamente ai bisogni sanitari dell’utenza del Golfo Paradiso garantendo l’efficacia e l’efficienza delle prestazioni erogate. Il valore economico della concessione è stato calcolato su una spesa complessiva annua di un milione e 192mi1a euro. Le camere di degenza con i relativi servizi igienici e parte dei locali dedicati alle attività assistenziali sociosanitari saranno ubicate al secondo piano dell’edifico; gli altri locali di servizio socio-sanitario (palestra per la riabilitazione, spogliatoi per il personale) saranno nell’ala destra dell’edifico al piano primo. Per quanto riguarda la palazzina ex Saub, dal sopralluogo è emerso che le condizioni strutturali dell’edificio sono buone, che ovviamente non si e più fatta manutenzione e anche che per l’eventuale uso pubblico, si dovranno spendere molti soldi per l’abbattimento delle barriere architettoniche. Come noto, il consiglio comunale ha votato all’unanimità una mozione che impegna la giunta «ad uno studio urgente e veloce di fattibilità affinché la palazzina possa essere acquistata dal Comune o essere riutilizzata con destinazione pubblica». — Un momento del sopralluogo di ieri mattina alla palazzina ex Saub di via Pisa a Recco C VA *** #s#23 #t#-1 #c#Genova#c#

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: