Rixi (Lega Nord): “Ex mercato del pesce agli abusivi di corso Quadrio? Pronti alla mobilitazione”

“Potrebbe essere affittato, a cifre irrisorie, proprio agli abusivi che oggi stendono le loro mercanzie su corso Quadrio, con tanto di servizio d’ordine garantito dai vigili urbani”

Genova24.it 10 febbraio 2017

Genova. L’ex mercato del pesce di piazza Cavour a disposizione del progetto Chance. E’ l’ipotesi, con connesso allarme, paventata dalla Lega Nord e il segretario regionale Edoardo Rixi non nasconde tutta la sua contrarietà.

“Se sarà confermata – spiega – l’intenzione del Comune di Genova di destinare gli spazi agli abusivi di corso Quadrio, non staremo di certo a guardare mentre la giunta Doria commette l’ennesimo sopruso ai danni dei commercianti regolari e dei cittadini. Siamo pronti a mobilitarci in ogni sede, istituzionale e di piazza, per evitare che l’ex mercato, dopo essere stato tolto ai suoi legittimi inquilini, si trasformi invece in un comodo rifugio per abusivi e ricettatori”.

“Da questa giunta ormai arrivata al capolinea – prosegue – purtroppo ci aspettiamo qualsiasi assurdità. Il Pd e compagni sono riusciti a mettere in crisi una filiera come quella ittica con il trasferimento in una struttura totalmente inadeguata, a quasi dieci chilometri dal mare, dove non si riesce a fare neppure manovra con un camion. Non ci stupiremmo quindi se avessero spostato i commercianti del pesce per dare un tetto agli abusivi”.

Pronto a iniziative sul tema da portare in aula a Palazzo Tursi il capogruppo in Comune Alessio Piana. “Chiederò all’assessore Piazza – spiega – precise delucidazioni su quale sia l’intenzione di questa giunta sul futuro della struttura dell’ex mercato. Secondo le segnalazioni che ci arrivano da alcuni operatori, parrebbe che la struttura di Cavour potrebbe essere affittata, a cifre irrisorie per postazione, proprio agli abusivi che oggi stendono le loro mercanzie, di più che dubbia provenienza, su corso Quadrio, con tanto di servizio d’ordine garantito dai vigili urbani, costretti a vigilare sulla regolarità di un mercato che di regolare non ha proprio niente. Se così fosse, saremmo alla follia totale e alla giunta chiederemo almeno un atto di buon senso: fare le valige e andarsene”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: