Salute, lavoriamo per la Valpolcevera di Viale Sonia

Secolo XIX Genova di mercoledì 8 agosto 2018

Salute, lavoriamo per la Valpolcevera

di Viale Sonia

PUNTI DI VISTA SALUTE, LAVORIAMO PER LA VALPOLCEVERA Sonia Viale Gli esponenti del Pd cercano solo lo scontro politico: sulla Casa della Salute della Valpolcevera stravolgono la realtà ma anche questa volta verranno smentiti dai fatti. Agitare le acque non servirà a far dimenticare ai cittadini i dieci annidi loro malgoverno, in cui non sono mai riusciti neppure a trovare un luogo idoneo in cui realizzare la struttura. Questa Giunta sta lavorando insieme alla Asl 3 per trovare la soluzione ideale: sono state pubblicate due richieste di manifestazione d’interesse per strutture pubbliche. La prima è andata deserta mentre in risposta alla seconda il Municipio ha avanzato e proposto l’ex Istituto Trucco, senza però confrontarsi preventivamente con le istituzioni: questa ipotesi si sta rivelando non percorribile, a causa della necessità di interventi particolarmente onerosi e non soddisfacenti per i bisogni della vallata. Si tratta però solo di una tappa per l’individuazione di un luogo idoneo per la Casa della Salute, che verrà realizzata nel più breve tempo possibile nel rispetto delle procedure, dei bisogni della popolazione e mantenendo un equilibrio economico. Voglio anche ricordare che in questi anni, in attesa di poter offrire ai cittadini la soluzione ottimale, abbiamo lavorato per una Casa della Salute diffusa: l’ex Ospedale Pastorino ha visto allocati i servizi previsti, consultorio, salute mentale e 118 mentre il terzo piano accoglierà il Centro diurno del servizio prima situato in via Maritano; al Quartiere Diamante sono stati implementati numerosi servizi e attività prima inesistenti e che Asl 3 sta ulteriormente potenziando; via Canepari è stata rimessa a nuovo e manterrà tutti i suoi servizi; l’ex Ospedale Celesia ha accolto, migliorandole, le residenzialità presenti nell’ex Pastorino, il Sert e sono in fase di avvio i lavori del laboratorio analisi territoriale; l’ospedale Gallino ha trovato una sua definizione con la Chirurgia a bassa complessità, numerose attività specialistiche e progettualità innovative a favore delle fasce più fragili della popolazione; via Bonghi prosegue il suo ruolo di elemento a forte impatto ambulatoriale e di servizio agli utenti; presso l’ex ospedale Frugone di Busalla è stato aperto un punto di primo intervento insieme al 118 garantendo così ai cittadini una risposta più completa anche in caso di emergenza. —L’autrice è vicepresidente e assessore alla Sanità della Regione Liguria

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: