Salvini: «Tutto si può migliorare, trovare altri fondi per Genova non sarà impossibile» – Salvini e il futuro di Genova «Troveremo più soldi, quel che si vuol fare si fa»

Secolo XIX di lunedì 1 ottobre 2018

di Menduni Marco

I1. R1:’l’RUSCENA Marco Menduni /GENOVA Salvini : «Tutto si può migliorare, trovare altri fondi per Genova non sarà impossibile» L’ARTICOLO / PAGINA 2 II vice premier alla festa della Lega: Gemme commissario a noi va bene A governare siamo in due, ma non ci sono pressioni contrarie di MSS Salvini e il futuro di Genova «Troveremo più soldi, quel che si vuol fare si fa» IL RETROSCENA Marco Menduni /GENOVA ultimo brivido sul nome del commissario della ricostruzione del Morandi Matteo Salvini lo fa correre dal palco di piazza della Vittoria. C’è la festa della Lega, la Zena Fest, lui arriva al punto al termine di un ragionamento improntato sul più classico modello deduttivo, dal generale al particolare. Primo: «Anche noi sbaglieremo, anche il governo, anche noi ministri, vogliamo persone che ce lo facciano notare». Nienteyesman, please. Secondo: «Ci aiuterete a capire anche che cosa si può far di meglio per Genova». Terzo: «Ci suggerirete anche se una persona è adeguata, se va bene o meno». Così, concatenando le frasi l’una all’altra (e premesso che la nomina del commissario non è ancora stata ufficializzata) proprio lì sembra che Salvini voglia andare a parare. Sarà proprio Claudio Gemme, settantenne, ex Finmeccanica e ex Ansaldo, il prescelto? Lui stesso, il ministro leader della Lega, sembra voler smentire quest’interpretazione alla fine dell’incontro, tra i selfie che secondo tradizione vanno avanti all’infinito. Dice ancora Salvini: «Ho già incontrato Gemme, non ci sono pressioni del MSS affinché non sia lui il commissario, abbiamo messo a disposizione alcune personalità, siamo in due a governare, quindi la scelta deve andare bene anche a Di Maio». Insiste però su sul nome, che alla fine è venuto fuori da una terna che comprendeva anche Roberto Cingolani direttore dell’Iit e l’ad di Ansaldo Energia Giuseppe Zampini: «Gemme mi ha fatto una buona impressione, un curriculum di tutto rispetto, un genovese che più di tutti avrebbe a cuore una soluzione rapida, sarà un compito difficilissimo quello della ricostruzione del ponte per chiunque, Batman, Robin, ci saranno tanti casini normativi». Eventuali conflitti d’interesse? «Ha già annunciato che se fosse lui il commissario si dimetterebbe da Fincantieri». Scelta fatta? Alla fine il ministro-segretario non si sbilancia ancora: «Non faccio nomi e cognomi. L’importante è partire presto a demolire, a risarcire e a costruire. Penso e spero e lavorerò fino in fondo perché i tempi siano rispettati». Di nuovo il refrain: «Bisogna fare le cose presto e bene, ma non doversi poi pentire un domani di aver fatto troppo presto» Il Decreto Genova, però, non ha soddisfatto nessuno: né i cittadini genovesi, né gli sfollati, né le istituzioni locali e Salvini lo sa: «Tutto si può migliorare, si possono trovare altri fondi per Genova, lo abbiamo dimostrato con la manovra economica che ciò che volevamo fare si fa, figuriamoci se non si possono trovare ulteriori aiuti per la città». Però un distinguo, sull’operato del premier Conte e del ministroToninelli lo pone: «Non ho lavorato io al decreto, io rispondo ai decreti che porto avanti io». C’è il timore di ricorsi legali di Autostrade? «È un’ipotesi *** che non voglio prendere nemmeno in considerazione, con 43 morti, una città in ginocchio, 600 sfollati e migliaia di lavoratori in difficoltà, che qualcuno che è ingrassato con miliardi di pedaggi autostradali faccia ricorso di fronte a un evidente torto, è una cosa che non voglio nemmeno prendere umanamente in considerazione». In realtà la battaglia di carte bollate è un’ipotesi tutt’altro che residuale, perché il fuoco di sbarramento potrebbe arrivare anche da altre aziende: «Spero che chiunque pensi di fare ricorsi o di speculare sulla ricostruzione del ponte Morandi si metta 43 volte la mano sulla coscienza prima di interpellare un legale, perché non è una situazione come tutte le altre», conclude Salvini. — menduni@ilsecoloxix.it O BYNCMALITTIVATI Matteo Salvini sul palco con ii sindaco Bucci e ii viceministro Rixi e circondato dalla folla n csi-?r.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: