Sonia Viale: «L’obiettivo è garantire una sanità migliore»

Secolo XIX Imperia di martedì 24 luglio 2018

PARLA L’ASSESSORE VIALE «L’obiettivo è garantire una sanità migliore» «In attesa dell’ospedale unico, dobbiamo garantire ai cittadini la miglior qualità possibile dei servizi sanitari, e la separazione della gestione dei Pronto soccorso, e dei reparti di Neurologia e Ostetricia-Ginecologia va proprio in questa direzione». L’assessore regionale Sonia Viale commenta così la novità introdotta dal Piano operativo aziendale dell’Asl 1, che prevede tre nuovi primari per altrettanti settori dell’Emergenza. «Il territorio di Ponente – prosegue la Viale – va difeso, sia attraverso le strutture sanitarie pubbliche che quelle convenzionate: i cittadini non devono essere spinti a rivolgersi altrove, ma a curarsi qui, devono avere fiducia nel nostro sistema sanitario». «Tre anni fa, quando mi sono insediata, molto era lasciato alla buona volontà degli operatori, conseguenza di scelte politiche estemporanee. Da allora abbiamo creato le basi giuridiche per arrivare a un radicale cambio di rotta, e ora stiamo passando all’attuazione di questo percorso, con il solo obiettivo di garantire un’offerta sanitaria di qualità e a chilometro zero. Per questa ragione è stata introdotta la figura del direttore socio-sanitario, con potenziamento dei servizi sul territorio, a cominciare dall’assistenza domiciliare e un’abbandono della visione che vuole tutto accentrato negli ospedali». La nomina del direttore socio sanitario dell’As1 1 è attesa a giorni, in corsa ci sono Renata Ghizzoni, attuale coordinatrice delle attività distrettuali, Roberto Anselmo, direttore del Dipartimento cure primarie e attività distrettuali, Giuseppe Trucchi, primario del Dipartimento donna-bambino, il pediatra Carlo Amoretti e Roberto Predonzani, direttore del distretto di Ventimiglia. Proprio ieri mattina l’assessore Viale ha visitato il Pronto soccorso di Sanremo, parlando con gli operatori, prima di una serie di sopralluoghi programmati nell’ambito dell’attuazione del Poa. «Siamo davanti a una riforma molto importante, i liguri meritano una sanità di qualità, efficiente, come meno burocrazia e sprechi».

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: