Viale: centro di cura delle demenze e tagli alle liste d’attesa

Secolo XIX La Spezia di giovedì 15 novembre 2018

di Collecchia Silvia

L’INCONTRO Viale: centro di cura delle demenze e tagli alle liste d’attesa Silva Collecchia /LASPEZIA Alla Spezia aprirà un Centro per 1 a cura dei disturbi cognitivi e delle demenze. Si tratterà di un centro clinico, voluto da As15, focalizzato sulla prevenzione, la diagnosi e il trattamento. Di questo e di altre importati iniziative per il 2019 che riguardano la sanità pubblica spezzina, si è discusso ieri mattina negli uffici della direzione con l’assessore regionale alla sanità Sonia Viale, il direttore di Alisa, Walter Locatelli, e i vertici dell’Azienda spezzina e di As14. Si è trattato del primo incontro con i collegi di direzione che l’assessore Viale ha promosso in Liguria. Alla studio dei responsabili interaziendali i protocolli per l’Azienda «che andranno a migliorare i servizi sanitari offerti ai cittadini» ha spiegato il direttore sociosanitario di As14, Alessandra Massei. Al primo posto resta l’abbattimento delle liste d’attesa. Per questo allo studio è un coordinamento di equipe che potrebbe spostarsi anche da un territorio all’altro per migliorare le esigenze degli utenti. In pratica come Asl5 sta già facendo con As14, ma andando a migliorare le prestazioni. Sul tavolo c’è la questione di Oncologia con l’adozione dei farmaci di ultima generazione, l’implementazione delle cure a domicilio sia per le patologia ordinarie sia per le cure palliative. «Sulle cure domiciliari investiremo molta attenzione—conferma Massei — Con la presa in carico del paziente da parte di medici ed infermieri i malati potranno essere curati a casa. Questa è un’altra priorità per il prossimo anno insieme con il potenziamento della Neuropsichiatria e l’apertura del Centro per le demenze. Si tratta di un centro importante per tutta la provincia spezzina in quanto, essendo una provincia dove il numero di anziani è elevato». Sul 217.507 residenti (il dato si riferisce al 1° gennaio del 2017) ben 59.685 persone hanno più di 65 anni, pari al 27,4% della popolazione con un indice di invecchiamento che indica che ogni 100 giovani fino a 14 anni vi erano ben 240 anziani. Stando ai dati forniti da As15, quasi un anziano su tre, circa 18 mila persone, è in buona salute ma a rischio di malattia cronica e fragilità. Circa 8500 spezzini anziani presentano invece segni di fragilità e sono a rischio di scivolare nella disabilità e quasi altrettante persone sono invece non autosufficienti e con varie patologie di disabilità.

 

 

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: