Bucci presenta la squadra, ma si tiene le deleghe a Urbanistica e Partecipate – Bucci vara la giunta a tempo

By on 4 luglio 2017

Secolo XIX Genova di martedì 4 luglio 2017

  • LA GIUNTA DI GENOVA Bucci presenta la squadra ma si tiene le deleghe a Urbanistica e Partecipate COLUCCIA e ROSSI 16 e 17 Le nomine a Palazzo Tursi BUCCI VARA LA GNNTA. A TEMPO Il sindaco: «Ecco la mia squadra, ma ci sarà turnover». Da assegnare ancora una poltrona ANNAMARIA COLUCCIA EMANUELE ROSSI TUTTI sulla corda. «Questa è la mia squadra, abbiamo rispettato i criteri di competenza, spirito di servizio e voglia di sporcarsi le mani. Ma la giunta sarà in continua evoluzione, mi aspetto che ci sarà anche un po’ di turnover, lo dico senza voler spaventare nessuno». Marco Bucci alza il sipario sul suo “team” e già qualche brivido corre sulla schiena dei neoassessori e consiglieri delegati. Ma è solo un attimo. La presentazione dei dieci assessori (tutti laureati) e dei sei consiglieri delegati fila via tra gli applausi di amici, parenti e supporter politici in una insolita cerimonia nel salone di rappresentanza di palazzo Tursi.

Attesa per 1′ Urbanistica La “sorpresa” dell’ultimo giorno è la nomina di Arianna Viscogliosi ad assessore al personale e alle pari opportunità: l’avvocato 45enne del Galliera, con un passato lavorativo a Bruxelles, riempie la”casella” mancante per la lista Musso – Direzione Italia nella giunta Bucci. Il resto dei nomi sono quelli attesi (vedi tabella nella pagina a fianco), anche se con qualche sorpresa per le deleghe.

Fratelli d’Italia ha ottenuto quello che aveva chiesto fin dall’inizio della campagna elettorale: il ruolo di vicesindaco, affidato a Stefano Balleari. E il sindaco ha deciso di tenere per sé due deleghe strategiche come quelle all’ urbanistica e alle società partecipate. «Non mi sembrava giusto bloccare i lavori perché manca ancora l’assessore all’ urbanistica. Stiamo cercando in Italia una professionista di alto livello, perché sarà una donna, ma intanto la squadra deve partire -spiega-Terrò, invece, la delega alle società partecipate finché non avranno un ottimo management e non saranno in attivo».

Piciocchi resta al Brignole La prima riunione informale di giunta è fissata per domani, mentre l’insediamento formale avverrà dopo il consiglio comunale del 12 luglio. Consiglio in cui Elisa Serafini, Pietro Piciocchi, Matteo Campora, Stefano Garassino e Paola Bordilli si dimetteranno da consiglieri per diventare assessori, lasciando il posto d altri cinque consiglieri di maggioranza (tre per la lista BucciVince Genova e due perla Lega Nord). E proprio questo meccanismo, imposto dalla legge che stabilisce l’incompatibilità fra i suoli di consigliere e di assessore comunale, renderà certamente più complicata per Bucci l’eventuale decisione di sostituire, fra qualche tempo, un assessore che si è dovuto dimettere da consigliere comunale e che, quindi, uscirebbe dalla scena di Tursi. «I1 rapporto con i partiti? Se non fosse sereno non avrei potuto varare la giunta in sei giorni – assicura il neosindaco – io ho ascoltato le loro proposte ma poi ho scelto in autonomia, privilegiando la competenza. C’è forse solo un caso in cui manca una competenza specifica sull’argomento». 11 manuale Cencelli, tuttavia, è rispettato: assessori e consiglieri delegati hanno fatto campagna elettorale nelle liste a sostegno di Bucci, con l’unica eccezione di Francesca Fassio, neo-assessore ai servizi sociali e welfare, in quota Forza Italia ma indipendente. La composizione: due posti alla Lega, tre alla lista Bucci, due a Forza Italia, uno a Fdl e uno alla lista Musso tra gli assessori. I consiglieri delegati «parteciperanno alle riunioni di giunta e avranno un loro team di lavoro» annuncia il sindaco, spiegando che non è ancora stato deciso nulla sui loro compensi. «Comunque i co *** sti per l’amministrazione non aumenteranno» assicura. I consiglieri delegati sono Stefano Anzalone (Sport), Mario Baroni (valorizzazione del patrimonio) e Lilli Lauro (rapporti con gli enti) per FI, Federico Bertorello (Affari legali) per la Lega, Francesco Maresca (Mare e porti) perla lista civica e Sergio Gambino (Protezione civile) per Fdl. Probabilmente faranno discutere, per ragioni diverse, le scelte di affidare a due consiglieri le deleghe all’avvocatura ed affari legali, solitamente del sindaco, e quella alla Protezione civile. In quest’ultimo caso, però, Gambino si è auto-proposto per una delle deleghe più spinose: è un ufficiale dell’esercito in congedo e ha all’attivo parecchi anni di volontariato nella Croce Bianca genovese. Dovrà raccogliere lui l’eredità di Gianni Crivello: «Ho voluto questa delega perché credo di poter dare un contributo – spiega – Non parto certo da zero, ma credo si possa fare di più sul coinvolgimento del volontariato». Hanno l’aria piuttosto preoccupata, invece, il neo-vicesindaco Stefano Balleari, che dovrà occuparsi di trasporto pubblico, e il neo-assessore ad Ambiente, rifiuti e servizi civici Matteo Campora. «È una delega molto impegnativa, certo, ma se bisogna mettersi in gioco lo si deve fare fino in fondo» commenta Balleari. Campora, invece, dovrà occuparsi subito di Amiu: «Affronteremo la questione assieme al sindaco» commenta, senza nascondere che l’assegnazione di quelle deleghe è stata una sorpresa. E con i problemi di Amiu dovrà misurarsi anche l’assessore al Bilancio Pietro Piciocchi, per trovare entro luglio i 13 milioni che mancano: «Da domani (oggindr) iniziamo a lavorare» dichiara. Piciocchi non lascerà il suo incarico di commissario straordinario dell’Azienda per i servizi alla Emanuele Brignole, ma «manterrò solo lin rirnlnrli uaran7iaerlivicrilanza e – spiega – mi sarà affiancata un’altra persona con compiti di gestione». Si prepara ad un tour in moto nelle vallate, per verificare esigenze e problemi, Paolo Fanghella, assessore a lavori pubblici, manutenzioni e vallate appunto: «Finora queste aree della città sono state abbandonate, il fatto di unire questa delega a quelle a lavori pubblici e manutenzione indica l’inversione di rotta». Intanto, mentre dai leader nazionali del centrodestra arrivano commenti di grande soddisfazione per la squadra, dal centrosinistra fioccano i primi siluri. «Non vedo i grandi managere professionisti annunciati in campagna elettorale da Marco Bucci» osserva il deputato di Mdp Stefano Quaranta, che denuncia «un accentuato manuale Cencelli» e critica la scelta di delegare la protezione civile a un consigliere comunale. coiuccia@ilsecoloxix.it emanuele.rossi@ilsecoloxix.it BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI Urbanistica e Demanio, Politiche e strategie di sviluppo delle Società Partecipate, Ricerca e sviluppo dei finanziamenti europei, Organi istituzionali, Comunicazione, Politiche europee e internazionali e Cooperazione internazionale, Partecipazione dei cittadini alle scelte dell’amministrazione StefanoBALLEARI Vice sindaco, Mobilità e Trasporto Pubblico Locale Pietro PICIOCCHI Bilancio e Patrimonio Francesca FASSIO Politiche educative e dell’istruzione, Politiche socio-sanitarie e alla casa Marco BUCCI Sindaco Paola • BORDILLI Turismo, Commercio e Artigianato Giancarlo VINACCI Sviluppo e Promozione economica della città Paolo FANGHELLA [avori pubblici, Manutenzioni e Politiche per b sviluppo delle varate Arianna VISCOGLIOSI Pp G’ ,1I0, P]ri Cpportunità Elisa SERAFINI Marketing territoriale, Cultura e Politiche per igiovani Stefano GARASSINO Sicurezza, Poláia locale, Immigrazione, Centro storico Matteo CAMPORA Ambiente e Rifiuti, Servizi civici, Informatica I SEI CONSIGLIERI DELEGATI LIIII LAURO Rapporti con consiglio comunale, Città metropolitana, Municipi Francesco MARESCA Porto e Mare ***

Il SECOLO XIX 04-07-17

 

 

You must be logged in to post a comment Login

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: