“Cuore in salute”, la prevenzione è 365 giorni all’anno

By on 12 ottobre 2017

“Cuore in salute”, la prevenzione è 365 giorni all’anno

Repubblica Genova di mercoledì 11 ottobre 2017
di Bush Bettina

LA SANrrA/ FSPFRTT A CONFRONT ALLA FIUMARA SOTTO L’EGIDA DELLA ASI.3 “Cuore in salute”, la prevenzione è 365 giorni all’anno BETTINA BUSH AVESSO anche chi ha avuto un infarto potrà fare sport, e tornare presto a una vita “normale” e in Liguria le persone operate di cuore sono circa 1.300 all’anno, numeri importanti. Questo è stato l’argomento di ieri dell’incontro “Cuore in Salute” in un affollatissimo Palazzo della Salute dove sono intervenuti Luigi Bottaro, Direttore Generale As13, Stefano Domenicucci, Direttore del Dipartimento di Cardiologia Asl 3, Marco Conforti Presidente della Onlus Cuorinforma, Marco Clavario, Direttore della Cardiologia Riabilitativa della As13, Walter Locatelli, Commissario Alisa, e Sonia Viale, Assessora alla Sanità della Liguria. Tanto per cominciare Clavario ha sottolineato che preferisce chiamare i suoi pazienti cardio-atleti e non cardiopatici. Una frase fondamentale per capire la filosofia con cui vengono seguite queste persone, in percorsi sul territorio di quella sanità che vuole essere vicina al paziente anche dopo l’episodio acuto: «La sanità del futuro deve considerare con pari dignità quella dell’ospedale con quella del territorio – sottolinea Sonia Viale – per questo sono importanti gli stili di vita, e il mondo dell’associazionismo deve fare sempre più parte di questi processi. Sono visioni a lungo termine di un focus fondamentale per portare in positivo il bilancio della sanità». Poi si è passati alla visita della palestra del Palazzo della Salute di cardiologia riabilitativa, appena ampliata con quasi una ventina di cyclettes e due tappeti, dove ogni giorno si allenano circa 90 persone, ma le attività non finiscono qui. Clavario ha aggiunto come il corretto esercizio fisico riduca del 50% il rischio cardiovascolare; alcuni dei suoi cardio-atleti hanno fatto le mezze maratone e addirittura in bici, anche la Milano Sanremo. Per finire Marco Conforti ha ricordato come sia importante «Non stare mai seduti più di cinque minuti». Insomma l’importante è cominciare, poi non mollare.

II direttore della Asl 3 Luigi Carlo Bottaro ***

You must be logged in to post a comment Login

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: