L’assessora: “Irriducibili, vaccinate i vostri figli”

By on 12 settembre 2017

Repubblica Genova di martedì 12 settembre 2017

L’assessora: “Irriducibili, vaccinate i vostri figli” MICH ELA BOMPANI ADESSO speriamo che non ci siano genitori irriducibili»: l’assessora regionale alla Sanità, e vicepresidente della regione, Sonia Viale ieri ha fatto il punto, in giunta, sulla questione vaccini.

Questa mattina ci sarà la prova del nove: la dead line per le famiglie liguri è scaduta ieri, per presentare la documentazione sulla storia vaccinale dei propri figli affinché possano essere ammessi agli asili nido e alle scuole d’infanzia liguri. «Adesso però tocca ai genitori “inadempienti”, mettersi in regola con i vaccini entro gennaio – aggiunge Viale – seguendo gli appuntamenti fissati con le Asl. Spero non ci siano irriducibili, perché a quel punto non potremo fare più nulla». La documentazione necessaria consiste in realtà nella sola lettera che la Regione Liguria ha inviato a 58.000 famiglie con bimbi da 0 ai 6 anni. E, in caso qualche famiglia non l’avesse ricevuta, nel certificato delle vaccinazioni rilasciato dalla Asl. La manovra ligure per coniugare imposizione vaccinale della legge e certezza dell’ammissione dei bambini agli asili nido o alle scuole dell’infanzia è proprio contenuta nelle 58.000 lettere arrivate alle famiglie: «La legge prevede che per entrare nei nidi o nelle scuole dell’infanzia si debba dimostrare di aver effettuato le vaccinazioni o si dimostri di averle prenotate – ha spiegato l’assessora – le lettere che abbiamo inviato sono di due tipi: in alcune i bambini risultano “adempienti”, ovvero la Asl attesta che hanno ricevuto la somministrazione di tutti i vaccini previsti. In altri casi i bimbi risultano “inadempienti”, per qualche richiamo o per alcuni o tutti i vaccini, allora abbiamo proceduto a prenotare, per le dosi mancanti, gli appuntamenti nella Asl di appartenenza». Dunque, proprio grazie alla lettera della Recrione.

che funziona da impegnativa dei genitori al rispetto del calendario vaccinale, anche per chi il vaccino ancor non lo ha fatto, tutti i bimbi dovrebbero entrare nelle scuole, senza difficoltà, neppure quelle registrate nei giorni scorsi in diversi plessi a Genova o nelle province, per incomprensioni con la direttiva regionale. Però ora le famiglie dovranno attenersi agli appuntamenti che la Regione ha fissato nelle Asl. Ecco perché l’assessora Viale lancia un appello alle famiglie: «La Regione ha messo il massimo impegno per facilitare queste procedure e non escludere nessuno – dice Viale – spero che i genitori adesso seguano le indicazioni e effettuino i vaccini o i richiami necessari». E aggiunge: «Il nostro obiettivo è stato uno solo: nessun bambino, tra zero e sei anni, deve trovarsi escluso da scuola per intoppi burocratici o organizzativi, la nostra valutazione della legge è pessima, ma una legge deve essere applicata».

IRRIDUCIBILI L’assessora Viale: “Adesso speriamo che non ci siano genitori irriducibili” L’APPELLO L’assessora regionale alla Sanità della Liguria, Sonia Viale, manda un messaggio ai genitori dei 58.000 bambini liguri, tra zero e sei anni, perché facciano vaccinare, come da calendario previsto dalla legge Lorenzin, i propri figli. «Speriamo che adesso i genitori dei bimbi che devono mettersi in regola con le vaccinazioni, non facciano gli irriducibili», ha detto ieri in giunta l’assessora, confidando che vengano rispettati gli appuntamenti presi con le Asl. C’è tempo fino a gennaio ***

di Bompani Michela

You must be logged in to post a comment Login

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: