Veneto e Liguria al Forum economico di Yalta

By on 20 aprile 2017

Italia Oggi di giovedì 20 aprile 2017

Veneto e Liguria al Forum economico di Yalta PROMOTORE DELLA TRASFERTA IL CONSIGLIERE ZAIANO VALDEGAMBERI. TRA I RELATORI L’ASSESSORE RIXI • Veneto e Liguria al Forum economico di Yalta Le delegazioni di centrodestra e filo-russe in Crimea fanno innervosire l’Ucraina DI RAFFAELE PORRIsINI rsino la politica estera è ormai ppannaggio delle Regioni. Lo dimostra il caso Crimea, la cui annessione alla Russia che ha mandato su tutte le furie l’Ucraina e scatenato le sanzioni Ue contro Mosca, è stata invece riconosciuta formalmente con una mozione del consiglio regionale del Veneto e suggellata da una missione istituzionale svoltasi in ottobre. Nei panni di nuovo ufficiale di collocamento tra l’Italia e la Federazione Russa, passando proprio per la Crimea, c’è il consigliere regionale eletto nella Lista Zaia ma ora nel Gruppo Misto (con un passato nell’Udc) Stefano Valdegamberi; è stato lui ad aver organizzato il viaggio autunnale tra Simferopol e Sebastopoli, nel corso del quale la delegazione italiana composta da diversi consiglieri delle regioni del centro-nord ha incontrato il capo della Repubblica autonoma (e filo-russa) di Crimea Sergej Aksenov. Ed è sempre lui a guidare la delegazione veneta partita ieri per partecipare al Forum economico di Yalta, uno dei quattro meeting economici più importanti di tutta la Federazione Russa in programma fino a sabato al Manya Resort Yalta Hotel in Crimea. Peraltro, lo stesso Valdegamberi aveva ospitato nei giorni scorsi a Palazzo Ferro Fini con l’associazione RussiaVeneto Zoya Sandzhieva, ministro dell’Economia e del Commercio della Repubblica dei Calmucchi che fa parte della Federazione Russa. Al consigliere vicino a Luca Zaffa poco importa se già in passato il Governo italiano aveva sconsigliato queste missioni, date le tensioni tra l’Ue e la Russia rea di aver invaso e annesso la Crimea, quindi un territorio ucraino. Anzi, Valdegamberi punta ad aprire un nuovo e autonomo canale diplomatico per fare sentire a Mosca la voce dei filo-russi d’Italia, così che arrivi alle orecchie di Putin. Al Forum di Yalta parteciperà anche il presidente del consiglio regionale veneto, il leghista Roberto Ciambetti, e con lui altri due consiglieri regionali di centrodestra (Luciano Sandonà della Lista Zaia e Andrea Bassi della Lista Tosi), insieme ai senatori di Lega e Fi Sergio Divina e Bartolomeo Amidei e al vicesindaco di Rovigo Ezio Conchi; con loro anche un gruppo di 35 imprenditori veneti interessati a togliere le sanzioni alla Russia per riaprire il canale cornmerciale. «Ci tocca fare il giro del globo perché non possiamo atterrare direttamente in Crimea, è vietato per via delle sanzioni», si è lamentato Valdegamberi. «Prenderemo parte al Forum economico di Yalta dove, giovedì, si terrà una giornata dedicata all’Italia. In assenza di una delegazione ufficiale del nostro governo, saremo noi a rappresentare e difendere gli interessi del Paese». Non ci sarà solo la delegazione veneta a Yalta a rappresentare l’Italia. Nei giorni scorsi infatti anche un’altra Regione a guida centrodestra ha annunciato la sua partecipazione. E il caso della Liguria, che vedrà come protagonista in Crimea l’assessore salviniano Edoardo Rixi, invitato come relatore a una delle tavole rotonde. «Come Regione Liguria», ha spiegato Rixi, «crediamo molto nell’importanza di ricucire i rapporti economici con la Federazione Russa che consideriamo partner strategico per le nostre imprese e per i nostri porti».

You must be logged in to post a comment Login

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: