Violenze sessuali. Pucciarelli, Giorgi e Corso: gratis spray al peperoncino e corsi di autodifesa per donne

By on 10 ottobre 2017

GENOVA – “Abbiamo depositato una mozione per istituire un corso di autodifesa per donne a spese del Comune. Inoltre, ne abbiamo già preparata un’altra per chiedere alla giunta Bucci di distribuire gratuitamente lo spray al peperoncino alle genovesi, che ne faranno richiesta, durante una giornata da dedicare alle donne. Analoghe iniziative saranno assunte nei prossimi giorni anche alla Spezia, dove è stato approvato un nostro ordine del giorno che impegna la Giunta Peracchini a realizzare progetti per combattere la violenza sulle donne”.

Lo hanno dichiarato oggi il Consigliere regionale Stefania Pucciarelli, l’Assessore alle Pari Opportunità del Comune di La Spezia Giulia Giorgi ed il Presidente della Commissione consiliare Pari Opportunità del Comune di Genova Francesca Corso, dopo l’ultimo episodio di violenza sessuale per strada che si è registrato sabato notte fra Pegli e Sestri Ponente.

“Purtroppo – hanno aggiunto le tre leghiste – gravissimi fatti del genere si sono verificati la scorsa estate anche nello spezzino. Ed ora, ancora una volta, la vittima di Genova è una giovane donna. Adesso che facciamo di queste bestie? Le condanniamo solo a 2 o 3 anni senza che stiano in galera, in modo tale da lasciarle di nuovo libere? Continuiamo ad aiutarle, come è accaduto per il caso del marocchino alla Spezia? Oppure rimettiamo fuori anche il marocchino arrestato sabato notte a Genova, che risulta irregolare, pregiudicato, lasciato libero e mai rimpatriato? Noi donne non possiamo avere paura di uscire da casa, pure con fidanzati o mariti, perché a causa dell’inattività di un Governo buonista e di taluna magistratura politicizzata spesso si consente a gente pericolosa di circolare tranquillamente per le strade delle nostre città.

Di delinquenti e violenti l’Italia ne ha già fin troppi, ma la politica del Pd ed i fondi messi a disposizione per rimpatriare quelli stranieri sono ridicoli.

E’ quindi evidente che non ci sia una reale volontà, da parte del Governo, di espellere immediatamente chi delinque nel nostro Paese, ma così le prime vittime delle violenze sono proprio le donne.

Inoltre, noi ci chiediamo dove siano finite certe femministe e per quali motivi non reagiscano inscenando manifestazioni anche contro questo stato di insicurezza e di violenze sessuali per strada. Invero, risulta ipocrita e del tutto inutile tirare fuori le scarpe rosse il 25 novembre, se poi le buoniste radical chic tacciono per questi gravissimi fatti di quotidiana realtà”.

Stefania Pucciarelli, Consigliere regionale Lega Nord Liguria

Giulia Giorgi, Assessore alle Pari Opportunità Comune di La Spezia (Lega Nord Liguria)

Francesca Corso, Presidente Commissione consiliare Pari Opportunità Comune di Genova (Lega Nord Liguria)

You must be logged in to post a comment Login

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: